Escursione con ciaspole – Sagna Longa – Cap. Mautino – Busson

0
  • Data  22/01/2012   Difficoltà   E
  • Zona  Valle di Susa  Cesana  Torinese   
  • Partenza da  Cesana con gli impianti di risalita
  • Quota massima mt  2110 alla Capanna Mautino
  • Dislivello  mt 160 in salita, 650 in discesa
  • Attrezzatura :   abbigliamento da montagna,  ciaspole e bastoncini

Alle ore 08,30 ritrovo a Brione, siamo in 6 ( Gabriella, Brulino, Laura, Livio, Grazia ed io). Partenza con sosta a Cesana per il rituale del caffè, poi si porta un’auto a Bousson per evitare i tre chilometri di strada a piedi alla fine dell’escursione.

Prendiamo due impianti di seggiovia che ci portano a Sagna Longa poi racchette e via sul bordo della pista di sci, dopo un centinaio di metri si gira a sinistra su una pista battuta seguendo i cartelli sentiero n° 3. Poco dopo si gira destra sempre seguendo i segni del sentiero e a questo punto ci troviamo sulla neve fresca perché il percorso non è più battuto, nessun problema Livio è passato in testa e si è battuta tutta la pista fino alla Capanna Mautino (per un breve tratto ha contribuito anche Laura) per più di tre chilometri in neve assolutamente vergine e su un pendio abbastanza ripido soprattutto all’inizio.

Comunque seguendo le indicazioni sentiero n° 3 si attraversano vallette e pianori bellissimi e solo con tracce di passaggio di animali (quelli a quattro zampe, non quelli a due che ormai si trovano dappertutto) , vedi foto allegate.

Dopo circa un’ora e mezza arriviamo al Rifugio, segue ottimo pranzo con offerta da parte del Gestore della grappa e del genepy finale per averle battuto tutto il sentiero, in quanto quest’anno a chi si occupava di farlo non è stato rinnovato il contratto. Dopo di che di nuovo racchette e discesa molto lunga fino a Bousson su sentiero questa volta ben battuto ed in alcuni tratti gelato.

Considerazioni finali: bella escursione, bella neve, bellissimi paesaggi incontaminati,bella giornata con temperatura gradevole, ottimi amici.

Un sentito ringraziamento a tutti i partecipanti ma soprattutto a Livio che si è battuto tutto il sentiero.

Cesare

Leave A Reply